Informazioni Utili & CuriositÓ sulla Campania - Notizie dal sito web www.guide-campania.it

 

MONUMENTI PRINCIPALI



» Positano
»Praiano
» Furore
»Conca dei Marini
» Amalfi
»Ravello
»Atrani
»Minori
»Maiori
»Erchie

 NAPOLI
»  Chiesa di Santa Chiara
» Chiesa S. Domenico M.
»Duomo
» Spaccanapoli
» Museo Archeologico
» Gallerie Capodimonte
» Certosa di San Martino

 ISOLA DI CAPRI
»Capri
» Anacapri
»Grotta Azzurra

 CAMPI FLEGREI
» Pozzuoli
» Solfatara
»Cuma

/

Benvenuti sul sito web delle guide turistiche in Campania: buona visita!!


La Sfogliatella

La Sfogliatella

 

 

INFORMAZIONI UTILI & CURIOSITA'

 



Il clima Famosa in tutto il mondo per la dolcezza del suo clima e per il suo sole, la Campania offre ai turisti giornate splendide in quasi tutti i mesi dell'anno. Se si escludono i mesi più freddi e qualche giorno di pioggia in più a novembre e marzo, Napoli e la campania si possono visitare sempre.

La temperatura media annuale a Napoli è di 17 C° con punte di 30-32 C° d'estate e con minime che raramente scendono sotto i 7-8 C° durante l'inverno. I periodi ideali per una visita in città sono la primavera e l'autunno. Luglio e agosto possono essere roventi con temperature percepite fino a 40 gradi ma permettono di scoprire una città con meno traffico e confusione. Il clima a dicembre è un po' freddo, ma ci penserà la folla per strada a tenervi al caldo!

Specialità Tipiche

Pizza: La pizza napoletana, dalla pasta morbida e sottile ma dai bordi alti, è stata riconosciuta tra i prodotti agroalimentari tradizionali. Le prime notizie riguardo alla Pizza Napoletana vengono fatte risalire al periodo che va dal 1715 al 1725. Vincenzo Corrado alla metà del '700 scrisse un pregevole trattato sulle abitudini alimentari della città di Napoli, in cui osservò come fosse costume del popolo condire la pizza ed i maccheroni con il pomodoro. L'associazione di questi prodotti e le sue osservazioni diedero di fatto inizio alla fama gastronomica della città di Napoli ed attribuirono al Corrado un ruolo importante nella storia della gastronomia. Quelle stesse osservazioni costituiscono la data di nascita della Pizza Napoletana, un sottile disco di pasta condito con pomodoro. Le prime pizzerie comparvero a Napoli nel corso del XIX secolo e fino alla metà del XX secolo esse furono un fenomeno esclusivo di quella città. A partire dalla seconda metà del '900 le pizzerie si sono diffuse ovunque nel mondo, sempre con il termine di Pizza Napoletana, anche se a volte non si sa neanche dove sia la città in questione. Una delle migliori pizze oggi a Napoli si può assaggiare all’antica pizzeria Brandi.

Sfogliatelle: La sfogliatella (o aragostina) è un dolce tipico della pasticceria campana. La sfogliatella può essere riccia, se preparata con pasta sfoglia, oppure frolla, se preparata con la frolla. La sfogliatella nasce nel XVII secolo nel conservatorio di Santa Rosa da Lima, che si trova a Conca dei Marini, sulla Costiera Amalfitana, in provincia di Salerno. La sfogliatella nasce quasi per caso: un giorno era avanzata nella cucina del convento un po' di pasta di semola, ma la suora addetta alla cucina, invece di buttarla, aggiunse un po' di frutta secca, zucchero e limoncello, ottenendo così un ripieno. Utilizzò allora un cappuccio di pasta sfoglia per ricoprire il ripieno e ripose tutto nel forno ben caldo. Il dolce riscosse molto successo tra le suore e gli abitanti delle zone vicine al convento e prese il nome di santarosa in onore della santa a cui era dedicato il convento. Nel 1818 un oste napoletano , Pasquale Pintauro, entrò in possesso (in che modo non si sa) della ricetta segreta della santarosa, modificando leggermente la ricetta e introducendo la variante riccia-sfoglia inventò la sfogliatella. La pasticceria di Pasquale Pintauro (nonostante abbia cambiato gestione) si trova oggi come 200 anni fa in via Toledo a Napoli.

Mozzarella di bufala: La mozzarella di bufala è un prodotto caseario dell'Italia meridionale, prodotto tradizionalmente in Campania, soprattutto nelle province di Caserta e Salerno, ma anche in alcune aree del napoletano e del beneventano. Il termine mozzarella deriva dal nome dell'operazione di mozzatura compiuta per separare dall'impasto i singoli pezzi. È spesso definita regina della cucina mediterranea, ma anche oro bianco o perla della tavola, in ossequio alle pregiate qualità alimentari e gustative del prodotto. La mozzarella di bufala campana è prodotta nelle tipiche forme tonde (in varie pezzature, dal bocconcino di 80-100 grammi alle forme di mezzo chilo) e a treccia (quest'ultima specialmente nell'agro aversano e nella piana del Volturno). Esiste anche in versione affumicata, che non va confusa con la provola.

Il Presepe Napoletano:

Il presepe napoletano è una delle tradizioni natalizie più consolidate e seguite che si è mantenuta inalterata per secoli. Il termine presepe (o presepio) deriva dal latino praesepe (o prasepio o ancora praesepium) che vuol dire mangiatoia. Il primo presepio a Napoli viene menzionato in un documento che parla di un presepio nella Chiesa di S. Maria del presepe nel 1025. Ad Amalfi, secondo varie fonti, già nel 1324 esisteva una "cappella del presepe di casa d'Alagni". Nel 1340 la regina Sancia d'Aragona (moglie di Roberto d'Angiò) regalò alle Clarisse un presepe per la loro nuova chiesa, di cui oggi è rimasta la statua della Madonna nel museo di San Martino. Altri esempi risalgono al 1478, con un presepe di Pietro e Giovanni Alemanno di cui ci sono giunte dodici statue, e il presepe di marmo del 1475 di Antonio Rossellino, visibile a Sant'Anna dei Lombardi. Il primo presepio a Napoli viene menzionato in un documento che parla di un presepio nella Chiesa di S. Maria del presepe nel 1025. Ad Amalfi, secondo varie fonti, già nel 1324 esisteva una "cappella del presepe di casa d'Alagni". Nel 1340 la regina Sancia d'Aragona (moglie di Roberto d'Angiò) regalò alle Clarisse un presepe per la loro nuova chiesa, di cui oggi è rimasta la statua della Madonna nel museo di San Martino. Altri esempi risalgono al 1478, con un presepe di Pietro e Giovanni Alemanno di cui ci sono giunte dodici statue, e il presepe di marmo del 1475 di Antonio Rossellino, visibile a Sant'Anna dei Lombardi. Sebbene nel Novecento questa tradizione si sia gradualmente ondebolita, ancora oggi grandi presepi vengono regolarmente allestiti in tutte le principali chiese del capoluogo campano e molti napoletani lo allestiscono ancora nelle proprie case.

 

Galleria fotografica della Campania

I NOSTRI TOURS:

» Spaccanapoli a Natale
» Pompei 2 h
» Ercolano 2 h
» Museo Archeologico 2 h
»  Casertavecchia/SanLeucio
» Reggia Caserta 1,45 h
» Paestum 2 h
» Chiese di Napoli 2 h
» Costiera Amalfitana
» Capri
» Pompei/Ercolano
» Pompei/Vesuvio
» Campi Flegrei
» Ischia
» Napoli giro Città
»  Sorrento giro Città
» Pompei/Positano/Capri
» Pompei/Ercolano/
Oplontis

TOUR SPECIALI A POMPEI

»  Pompei (con Villa dei Misteri) - 2,30 h
»Pompei 3 h
» Pompei 4 h
»  Pompei 6 h
»  Pompei per disabili

CROCIERE:

Vi offriamo escursioni con guida turistica locale dalle navi da crociera ormeggiate al porto di Napoli, Sorrento, Capri e Salerno per visitare Pompei, Capri, Napoli, la Costiera Amalfitana e le altre bellezze archeologiche e paesaggistiche della Campania. Organizziamo per Voi visite private che spesso risultano anche più economiche di quelle in vendita dalle stesse Compagnie Crocieristiche. Su tutte le escursioni ci serviamo di autisti professionisti e veicoli Mercedes (full optional con aria condizionata ).

ESCURSIONI SU MISURA

Richiedi un preventivo gratuito e su misura per programmare la tua visita guidata in una o più località in Campania. Riceverai una proposta studiata in base alle tue esigenze....
Scrivete a: info@guide-campania.it

 

I NOSTRI LINK:
» www.tredy.com
» www.resortsinitaly.com
» www.romebytredy.com
» www.sorrento.cc
» www.sorrento-italy.net

p.iva 04450101219 - E-mail: info@guide-campania.it

TREDY COMPANY -

site map - sitemap xml